Connect
To Top

FONDO IMPRESA FEMMINILE: al via le domande

Al via le domande a partire dal 5 maggio per start-up, e dal  24 maggio per le imprese attive

Il Fondo impresa femminile è l’incentivo nazionale che sostiene la nascita e il consolidamento delle imprese guidate da donne, promosso dal Ministero dello sviluppo economico.

Sono finanziati programmi di investimento nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo.

Lo sportello verrà infatti aperto per le nuove imprese il 5 maggio, mentre per le imprese già imprese avviate il 24 maggio.

A CHI SI RIVOLGE?

Il Fondo sostiene le imprese femminili di qualsiasi dimensione, già costituite o di nuova costituzione, con sede in tutte le regioni italiane.

Anche le persone fisiche possono presentare domanda di finanziamento, con l’impegno di costituire una nuova impresa femminile dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Il fondo si rivolge a quattro tipologie di imprese femminili:

  1. cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie
  2. società di capitali con quote e componenti degli organi di amministrazione per almeno i due terzi di donne
  3. imprese individuali con titolare donna
  4. lavoratrici autonome con partita IVA

COSA FINANZIA?

Le spese ammissibili riguardano:

  • attrezzature, impianti e macchinari, incluse le spese connesse alla installazione
  • opere edili nel limite del 30% del programma di spesa agevolabile
  • strutture mobili e prefabbricati a servizio esclusivo della attività agevolata purché amovibili e funzionali al raggiungimento degli obiettivi del programma agevolato
  • immobilizzazioni immateriali: spese per acquisizione di brevetti, programmi informatici e soluzioni tecnologiche (es. progettazione e sviluppo di software applicativi, piattaforme digitali, app, soluzioni digitali per i prodotti e i servizi offerti, cybersecurity, sviluppo di portali web anche a solo scopo promozionale…)
  • servizi cloud
  • personale dipendente impiegato funzionalmente alla realizzazione della iniziativa agevolata;
  • esigenze di capitale circolante (materie prime, materiali di consumo, servizi, spese di affitto della sede aziendale, canoni di leasing e noleggio relativi a impianti, macchinari e attrezzature…).

È ammessa la spesa relativa all’acquisto di automezzi strettamente necessari al processo produttivo dell’impresa nonché quelli attrezzati per la conservazione condizionata dei prodotti aziendali e in relazione al mero trasporto degli stessi.

In ogni caso sono ammissibili soltanto le spese sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda.

QUALI AGEVOLAZIONI?

Gli incentivi finanziano programmi di investimento per l’avvio o lo sviluppo delle imprese femminili da realizzare in 24 mesi.

In caso di nuova impresa

Se sei una libera professionista e vuoi costituire una nuova impresa, oppure la tua impresa è stata costituita da meno di 12 mesi, puoi presentare progetti d’investimento fino a € 250.000. Il Fondo mette a disposizione un contributo a fondo perduto che varia in funzione della dimensione del progetto:

  • per progetti fino a € 100.000, l’agevolazione copre fino all’80% delle spese (o fino al 90% per donne disoccupate) entro un tetto massimo di € 50.000
  • per progetti fino a € 250.000, l’agevolazione copre il 50% delle spese, fino a un massimo di € 125.000

In caso di impresa già costituita

Se hai un’impresa attiva da più di 12 mesi, puoi presentare progetti d’investimento fino a € 400.000 per sviluppare nuove attività o per ampliare attività esistenti. In questo caso, il Fondo prevede un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero, con una copertura fino all’80% delle spese ammissibili, per un massimo di € 320.000.  Il finanziamento a tasso zero è da rimborsare in otto anni.

In entrambi i casi, non è richiesto un valore minimo del progetto d’investimento, che dovrà essere realizzato in 24 mesi.  

I piani di spesa possono prevedere le spese per investimento e il costo del lavoro. Sono finanziabili anche le spese per il capitale circolante, entro un massimo del 20% del programma di spesa ammissibile (o del 25% per le imprese con più di 36 mesi). Solo per le imprese con oltre 36 mesi di vita il contributo al circolante è concesso interamente a fondo perduto.

Per richiedere maggiori informazioni su questa iniziativa o verificare i requisiti e le condizioni di accesso all’agevolazione chiama questi numeri T. 0881 331493, M. 328 7271023 oppure scrivi a perrone@cdofoggia.it

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Altro in Finanza e credito

  • il family banker di banca mediolanum

    SIGLATO NUOVO ACCORDO PER I SOCI CDO: FAMILY BANKER – BANCA MEDIOLANUM La CdO di Foggia ha siglato un nuovo accordo di...

    6 Ottobre 2023
  • Bando Turismo 2023

    Bando Turismo 2023   La Camera di Commercio di Foggia, attraverso le risorse derivanti dall’incremento del 20% del diritto annuale per...

    26 Settembre 2023
  • Bando Internazionalizzazione – Anno 2023

    La Camera di Commercio di Foggia al fine di sostenere l’internazionalizzazione delle imprese e una maggiore utilizzazione di strumenti innovativi, ha...

    14 Settembre 2023
  • Prossima la riapertura dei bandi SIMEST

    È ormai vicina la riattivazione delle storiche agevolazioni SIMEST per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Queste misure prevedono la concessione di finanziamenti a...

    25 Maggio 2023
Translate »