Connect
To Top

Pronti gli incentivi 2016 per il settore autotrasporto merci.

Rinnovare il parco veicolare con gli incentivi 2016 per il settore autotrasporto merci.

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 216/2016 i decreti 19 luglio 2016 e 7 settembre 2016 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con i quali vengono stabilite la ripartizione e le modalità di erogazione delle risorse finanziarie a favore delle imprese di autotrasporto relative all’anno 2016, nel limite di spesa pari a 25.347.868 euro.

I fondi sono destinati alle imprese di autotrasporto merci, nonché dalle strutture societarie risultanti dall’aggregazione di dette imprese, attive sul territorio italiano, in regola con i requisiti di iscrizione al Registro Elettronico Nazionale e all’Albo degli autotrasportatori di merci per conto di terzi.

Le agevolazioni sono concesse per il rinnovo e l’adeguamento tecnologico del parco veicolare, per l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale, nonché favorire iniziative di collaborazione e di aggregazione tra le imprese del settore.

Spese ammissibili.

  1. A) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a metano CGN, gas naturale liquefatto LNG e elettrica;
  2. B) Radiazione per rottamazione o per esportazione al di fuori del territorio della UE, di automezzi di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11, 5 ton, con contestuale acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di automezzi industriali nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto merci di massa complessiva pari o superiore alle 11,5 ton, di categoria ecologica Euro IV;
  3. C) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di rimorchi e semirimorchi, nuovi di fabbrica, per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5 e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO, dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggioristandard di sicurezza e di efficienza energetica;
  4. D) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di casse mobili e rimorchi e semirimorchi portacasse.

Agevolazioni.

L’entità del contributo con riferimento agli acquisti indicati nel punto “Spese ammissibili”:

  1. A) Per gli automezzi nuovi di massa complessiva pari o superiore a 3,5 ton e fino a 7 ton, il contributo ammonta a € 3.500,00 a veicolo per quelli alimentati a metano CGN, e a € 10.000,00 per quelli ad alimentazione elettrica. Per gli automezzi nuovi di massa complessiva superiore a 7 ton, il contributo ammonta a € 8.000,00 a veicolo per quelli alimentati a metano CGN, e a € 20.000,00 a veicolo per quelli alimentati a gas naturale liquefatto LNG.
  2. B) Il contributo può essere richiesto solo se, contestualmente all’acquisizione del mezzo, si proceda alla radiazione per rottamazione o per esportazioni al di fuori dell’UE di altro automezzo di massa complessiva non inferiore alle 11,5 tonnellate. L’importo ammonta a € 7.000,00 per ciascun veicolo radiato.
  3. C) Il contributo previsto per le PMI è determinato nel limite del 10% del costo di acquisizione per le medie imprese, e del 20% di tale costo per le piccole imprese, con un tetto massimo di € 5.000,00 per ogni semirimorchio.
  4. D) Il contributo è previsto per le acquisizioni di gruppi di 8 casse mobili e 1 rimorchio o semirimorchio porta casse ed ammonta a € 8.500 per gruppo. La misura non comprende l’acquisizione dei container.

Per le PMI, su richiesta delle stesse, è applicabile una maggiorazione del contributo del 10% nelle seguenti ipotesi:

  • Per investimenti delle precedenti lettere A), B), D);
  • Per tutti gli investimenti, se effettuati da imprese appartenenti ad una rete di imprese.

Il contributo massimo per ogni singolo beneficiario è pari a € 600.000,00

 

Viene inoltre stabilito il termine per la presentazione delle domande che potranno essere inoltrate a partire dal 20 ottobre 2016, fino al 15 aprile 2017, in via telematica, sottoscritte con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente, secondo le specifiche che verranno rese note a partire dal 10 ottobre 2016 sul sito del Ministero nella sezione “autotrasporto” – “contributi ed incentivi”.

Entro la data di scadenza i richiedenti dovranno dimostrare che i beni acquisiti posseggano le caratteristiche tecniche previste ed allegare obbligatoriamente, a pena di esclusione, tutta la documentazione richiesta. Oltre la data del 15 aprile 2017 non verrà accettata alcuna integrazione.

You must be logged in to post a comment Login

Altro in Finanza e credito

Perché tutto possa esistere.

Questa è la mission di cdo. L’associazione tra imprese.

Iscriviti alla Newsletter

Copyright © 2015 - Compagnia delle Opere Foggia - Tel. 0881 331493 - info@cdofoggia.it - P.IVA 03449170715

Translate »